Meina

Chiesa parrocchiale di S. Margherita

Edificio dall’alta facciata e dal campanile barocco, fu consacrato nel 1785, inglobando dietro il campanile un ossario secentesco. La precedente chiesa romanica già citata nel Duecento era a destra dell’attuale sagrato. Gli interni sono decorati con delicati stucchi barocchi e tinte lievi.

Da sinistra si ammirano: il battistero ricavato nell’antico ossario, le cappelle di San Carlo e Santa Margherita, l’abside con tre affreschi (S. Ambrogio contro i pagani – D. Peracino, 1817; la gloria di S. Margherita e S. Carlo e gli appestati – L. Peretti, 1817) e infine due cappelle dell’Addolorata e del Sacro Cuore.

Chiesa dell’Annunciazione di Maria – La Madonnina

Situata sulla strada che va al Municipio provenendo dal cimitero. I suoi affreschi, raffiguranti la Madonna tra S. Rocco e S. Sebastiano, risalgono alla fine del XV secolo e appartengono alla scuola novarese. In origine era una cappella costruita alla confluenza di tre antiche vie ed era intitolata a Sancta Maria ad fontes sostituendo così l’antica devozione pagana di Celti e Romani al culto delle Matrones, divinità protettrici della fertilità.
Dopo l’arricchimento degli affreschi, fu nel XVII secolo che si costruì la chiesa vera e propria grazie alle donazioni di alcuni cittadini. Tra questi vi fu Bartolomeo Viotti, che partì da Meina per combattere i Turchi al servizio di Venezia. La chiesa ospita il sepolcro del nobile Giacomo Francesco Luatti di Arona.